Risolvere un problema con il comando di accesso Fixboot in Windows 10

Contenuti

Attenzione! Per utilizzare tutti i metodi descritti nell’articolo è necessario che il sistema operativo Windows 10 sia installato su una chiavetta USB o su un disco. Potete trovare istruzioni dettagliate su come completare l’operazione in un articolo separato.

Per saperne di più: Creazione di una chiavetta USB avviabile UEFI con Windows 10

Metodo 1: Strumento integrato di recupero del caricatore di avvio

Su ogni unità di installazione con sistema operativo Windows 10, c’è un’utilità che può rilevare e correggere automaticamente gli errori del boot loader e il comando associato “fixboot”. Per utilizzarlo, procedere come segue:

  1. Inserire il drive di avvio nel computer/laptop e avviare da esso tramite il “Menu di avvio”. Questi passaggi non sono diversi da quelli che si eseguono durante l’installazione di Windows 10. Se non sapete quale pulsante usate per chiamare “Menu di avvio”, allora consultate il nostro tutorial sull’argomento.

    Per saperne di più: Guida all’installazione di Windows 10 da una chiavetta o unità USB

  2. Una volta avviato il programma di installazione, fare clic sul pulsante “Avanti”. Nella prima finestra di dialogo è possibile lasciare le impostazioni predefinite della lingua.
  3. Nella successiva cliccate sul pulsante “Ripristino del sistema”.
  4. Nella finestra di selezione delle azioni, cliccate sul pulsante “Risoluzione dei problemi”.
  5. Successivamente, selezionare la prima voce – “Ripristino all’avvio”.
  6. Il passo successivo è quello di selezionare il sistema operativo in cui eseguire l’utilità di recupero. Se avete installato più di un sistema operativo, selezionate quello desiderato dall’elenco con le frecce della vostra tastiera e premete “Invio”. Altrimenti, vedrete solo una voce.
  7. Dopodiché il sistema si riavvia automaticamente. Il processo diagnostico del computer inizierà.
  8. Se vengono rilevati errori durante il controllo del settore di avvio, lo strumento cercherà di correggerli automaticamente. Sullo schermo verrà visualizzato un messaggio corrispondente e verrà richiesto di riavviare il sistema. Fallo.
  9. Lo svantaggio di questo metodo è che non sempre rileva il problema. Se non riesce a rilevare eventuali errori, visualizzerà il messaggio riportato di seguito. In tal caso, si consiglia di cliccare sul pulsante “Impostazioni avanzate” e di passare direttamente alla voce successiva.

Metodo 2: Sovrascrivere il settore di avvio del sistema

Questo metodo permette di sovrascrivere il codice del programma e di assicurarsi che il caricatore “bootmgr” funzioni correttamente.

  1. Ripetere i primi quattro passi, descritti nel metodo precedente. Il vostro compito è quello di cliccare sul pulsante “Risoluzione dei problemi”.
  2. Nella finestra successiva selezionate “Riga di comando” dalle opzioni offerte.
  3. Nella finestra che si apre, digitare il comando mostrato di seguito. Assicuratevi di lasciare tutti gli spazi e di non confondere le lettere.

    bootsect/nt60 sys

  4. Se avete fatto tutto correttamente, riceverete una notifica che il codice di avvio è stato aggiornato con successo in tutti i volumi trovati.
  5. Dopo di che, inserire il comando bootrec /fixboot nella stessa finestra. Molto probabilmente l’accesso a questo snap-in sarà concesso.
  6. In caso di successo basta chiudere l’utilità “Prompt di comando ” e cliccare su “Continua” nel menu che appare.

Metodo 3: Ripristino dei record di avvio

Un metodo altrettanto efficace per ripristinare l’accesso al comando “fixboot” è l’aggiornamento dei repository con i parametri di avvio e il master boot record. Questo metodo è implementato nel modo seguente:

  1. Analogamente al metodo precedente, aprire “Prompt dei comandi” dal menu “Risoluzione dei problemi” avviando dal supporto di installazione.
  2. Nella finestra che si apre, digitate bootrec /rebuildbcd e premete “Invio”. In questo modo si inizierà a cercare tutti i sistemi installati sugli azionamenti collegati. Se inizialmente lo strumento non rileva alcun sistema operativo, vi chiederà di aggiungere quello attuale alla lista. Fallo.
  3. Quindi inserire il comando bootrec /fixmbr nella stessa finestra e premere nuovamente “Invio”. Questo sovrascriverà la voce MBR master del disco di sistema.
  4. Dopo di che, provare ad eseguire nuovamente il comando bootrec /fixboot. È probabile che l’accesso all’utilità venga ripristinato e che il sistema operativo si avvii correttamente al prossimo riavvio.

Metodo 4: Formattazione della partizione di avvio

Per impostazione predefinita, una partizione separata è allocata sul disco rigido per il boot loader di Windows 10. In caso di problemi critici, si può provare a cancellarlo completamente e a reinstallarlo.

  1. Eseguire “Command Prompt ” attraverso l’unità avviabile come nei due metodi precedenti. Nella finestra che appare, eseguire il comando diskpart. Questo lancerà il Disk Manager.
  2. Successivamente, eseguire il comando del disco di lista nella stessa finestra. Di conseguenza, apparirà un elenco di tutte le unità collegate al computer. È necessario ricordare il numero del disco su cui è installato il sistema.
  3. Poi è necessario selezionare il disco. Si esegue eseguendo il comando "Sel disk X", dove al posto di “X” è necessario specificare il numero dell’HDD/SSD richiesto. Nel nostro caso è “0”.
  4. Ora è necessario aprire l’elenco di tutte le partizioni del disco rigido selezionato. Per farlo, utilizzare il comando elenco vol. Ricordate il numero del volume su cui è memorizzato il bootloader. Di norma, tale volume utilizza il file system FAT32, è nascosto e non pesa più di 500 MB.
  5. Selezionare il volume richiesto utilizzando il comando seleziona il volume X. Anche in questo caso è necessario utilizzare il proprio valore invece di “X”. Qui abbiamo il “3”.
  6. Il passo successivo è quello di assegnare una lettera univoca alla partizione selezionata. Questo viene fatto usando il comando assign letter=X. Ancora una volta, al posto della “X” sostituisci la tua lettera. Può essere qualsiasi lettera. La cosa principale è che non si usa questa lettera per etichettare altre partizioni sul disco. Al termine del comando, è possibile eseguire nuovamente la lista vol per controllare le modifiche. Abbiamo assegnato alla partizione la lettera “W”.
  7. Ora possiamo uscire dallo snap-in di “DiskPart”. Per fare ciò, inserire l’uscita al “prompt dei comandi ” e premere Invio .
  8. Procediamo con la formattazione della partizione di bootloader. Per farlo, eseguire il seguente comando:

    formato W: /FS:FAT32

    Al posto di “W”, non dimenticate di mettere la vostra lettera che avete precedentemente assegnato al Durante il processo di formattazione dovrete confermare le vostre intenzioni inserendo la lettera “Y” e premendo “Invio“. Vi verrà inoltre richiesto di assegnare un nome al volume. Questo è opzionale, quindi potete saltare questo passaggio premendo nuovamente “Invio”. Di conseguenza, si dovrebbe vedere la seguente immagine:

  9. Ora non resta che scrivere di nuovo il bootloader sul volume formattato. Senza di essa, il sistema non si avvia. Per farlo, eseguire il seguente comando:

    C:\ \ \ \ \ \ } C:\ \ \ \ }Windows /s W: /f UEFI

    Sostituisci la “W” di nuovo con la tua lettera. Se tutto è stato fatto correttamente, vedrete un messaggio che dice che i file sono stati creati con successo.

  10. Infine provare ad eseguire il comando bootrec /fixboot. Molto probabilmente ne riacquisterete l’accesso.