Risolvere KERNEL_DATA_INPAGE_ERROR in Windows 10

Oggetto

Metodo 1: spazio libero su HDD

Una delle cause frequenti del problema di cui sopra è la mancanza di spazio libero sul disco o volume dove è installato il sistema operativo – diventa incapace di salvare i dati necessari per il funzionamento, il che causa la “schermata blu”. La soluzione è ovvia: liberare spazio su disco. Ci sono molti modi per farlo, ma uno dei nostri autori ha rivisto l’algoritmo ottimale.

Per saperne di più: Come liberare spazio sull’unità C in Windows 10

Metodo 2: Abilitare il file di swap

Un file di swap inattivo o impropriamente configurato può anche essere la causa dell’errore. Questa funzione ha lo scopo di compensare parzialmente la mancanza di RAM, ma in alcuni casi si consiglia di disabilitarla (ad esempio, per prolungare la vita di un disco a stato solido) e il sistema che può accedervi non riesce a trovarla e si blocca in BSOD. Se la capacità è abilitata, ma non riesce, può essere un segno che la dimensione è impostata troppo piccola o troppo grande. In entrambe le situazioni, dovreste controllare le impostazioni e impostarle correttamente.

Per saperne di più: Come abilitare il file di swap in Windows 10

Soluzione 3: installare gli ultimi aggiornamenti

A volte la fonte del problema è una versione obsoleta di Windows 10, che manca di importanti aggiornamenti che migliorano la stabilità del sistema e rimuovono possibili bug e conflitti software. Se la versione del vostro sistema operativo è inferiore alla 1809, vi consigliamo di installare un aggiornamento il prima possibile per ottenere una build attuale e supportata.

Per saperne di più: Come aggiornare Windows 10 alla versione attuale

Metodo 4: Risolvere la minaccia del virus

L’errore in questione può anche essere un sintomo dell’attività di un malware: per esempio, un virus è entrato nel vostro sistema mascherato come un driver per qualche dispositivo e colpisce l’avvio, che i meccanismi di protezione integrati percepiscono come un fallimento e producono una “schermata blu”. Quindi, è una buona idea controllare il vostro Windows per l’infezione e prendere le misure appropriate se rilevato.

Leggi tutto: Combattere i virus del computer

Metodo 5: risolvere i problemi di hardware

L’ultima, ma non la causa più frequente, può essere chiamata una varietà di problemi con i componenti hardware del computer. L’algoritmo del controllo è riportato di seguito:

  1. Il primo “sospetto” è il disco rigido. Per prima cosa è necessario assicurarsi che la sua connessione con la scheda madre non sia ostruita – controllate la connessione del cavo SATA su entrambi i lati e, se possibile, provate a usarne uno conosciuto e funzionante, se ci sono dubbi sul suo funzionamento.

    I proprietari di notebook consigliano di controllare lo stato dei contatti sulla scheda e sull’HDD o SSD. Non è una cattiva idea testare la condizione di lavoro delle unità su altri dispositivi, per esempio, utilizzando applicazioni speciali.

    Leggi tutto: Come controllare HDD e SSD

  2. Il prossimo passo è scoprire cosa c’è che non va nella RAM – l’errore KERNEL_DATA_INPAGE_ERROR è spesso il primo sintomo di un modulo fallito. Usate i metodi descritti nel seguente link per diagnosticare la vostra RAM, e quando vengono rilevati possibili problemi, sostituite i moduli, preferibilmente con un set dello stesso tipo, per evitare incompatibilità.

    Leggi tutto: Controllo della RAM in Windows 10

  3. A volte la causa del problema può essere un banale surriscaldamento: si avvia un compito pesante (si apre un videogioco impegnativo o si esegue il rendering di una scena 3D) e il computer va in BSOD, visualizzando l’errore in questione. Se si sospetta un surriscaldamento, si raccomanda di smontare il PC o il portatile, pulirlo dalla polvere e sostituire la pasta termica/termoplasto nei punti appropriati. Vale anche la pena di prendersi cura di un migliore raffreddamento del computer, se il surriscaldamento persiste dopo la pulizia – in alternativa installare una torre di raffreddamento o un sistema di raffreddamento a liquido invece di un cooler in scatola.
  4. Non è una cattiva idea controllare la scheda madre stessa – spesso il suo fallimento può portare al sintomo in questione. La prima cosa a cui dovreste prestare attenzione è la condizione dei chip (non ci sono scheggiature o bruciature), così come i condensatori, specialmente quelli vicini al circuito di alimentazione della CPU o ai chip principali. Se avete abbastanza abilità potete sostituire i condensatori bruciati, se necessario, contattate un centro di assistenza.

    Leggi tutto: Come sostituire i condensatori su una scheda madre