Come collegare un SSD M.2

L’avvento delle SSD è stato una conseguenza dell’evoluzione dei dispositivi di memorizzazione, quindi non c’è stato un ulteriore sviluppo della tecnologia che fornisca una connessione diretta alla scheda madre. Come parte di questo articolo vi spiegheremo come collegare un SSD M.2 al vostro PC.

Contenuti

Collegamento di un azionamento a stato solido M.2

Non solo è possibile collegare un SSD con specifica M.2 ad un computer utilizzando l’omonimo connettore. Per quanto possa sembrare strano, il collegamento può essere fornito in quasi tutti i modi e le interfacce conosciute. Quindi, se volete acquistare un SSD M.2 ma non avete la porta giusta sulla scheda madre, è possibile collegarlo tramite PCI Express, SATA o anche USB con adattatori aggiuntivi.

Metodo 1: Collegamento diretto

Il modo più efficiente per collegare un M.2 ad una scheda madre è quello di collegarsi direttamente tramite un connettore speciale – questo assicurerà la massima velocità, eliminando gli elementi non necessari che rendono la connessione compatibile. Seguite i seguenti passi per realizzare ciò che avete pianificato:

  1. Spegnere il computer e svitare i bulloni che tengono il coperchio destro dell’unità di sistema (questo passo è necessario per i due metodi seguenti, in modo da poterlo fare in anticipo).
  2. Trovare uno slot SSD M.2 sulla scheda madre.
  3. Svitare la vite che serve a bloccare l’azionamento installato e inserire l’azionamento nel connettore.
  4. Avvitare la vite fissando l’SSD. Non stringerlo troppo, non è necessario.

Potreste anche incontrare un connettore verticale sotto M.2, nel qual caso avrete bisogno di un rack, che dovrebbe essere fornito con la scheda madre.

Quando si accende il computer, l’SSD verrà rilevato automaticamente e sarà necessario inizializzarlo e iniziare a lavorare come HDD, senza ulteriori operazioni.

Metodo 2: connessione PCI Express

Se non avete un connettore M.2 sulla scheda madre, va bene. È molto probabile che ci siano slot PCI Express inutilizzati che possono essere utilizzati per collegare un SSD, ma un adattatore M.2 – PCI-E deve essere acquistato in anticipo. Per la procedura di connessione stessa, eseguire una serie di manipolazioni:

  1. Inserire l’SSD nel connettore dell’adattatore e fissare l’unità con il bullone in dotazione.
  2. Spostare il latch dello slot PCI Express necessario (e l’adattatore può essere sotto x4 e x16, quindi scegliere lo slot con attenzione), quindi inserire l’adattatore dall’SSD e fissare con il latch se necessario. Si raccomanda di posizionare il drive sopra o uno slot sotto la scheda grafica in modo che il calore generato dalla GPU non influisca sulla SDS.

Tenete presente che ci sono un certo numero di SSD M.2 che vengono forniti in un telaio speciale per PCI Express direttamente dalla fabbrica, quindi non è necessario acquistare un adattatore. La caratteristica speciale di questi dispositivi è che gli adattatori al dettaglio hanno prese multiple per diversi fattori di forma M.2, in modo da poter acquistare qualsiasi unità e alimentarla, magari utilizzando un adattatore per diversi dispositivi. Le soluzioni di fabbrica, invece, sono carenti o estremamente limitate in tale funzionalità, offrendo il collegamento di una piastra di una determinata dimensione (e non il fatto che altri modelli, soprattutto di aziende concorrenti, funzioneranno correttamente se installati nel connettore).

Leggi anche: Come collegare SSD a slot SSD PCI Express x4

In questo modo è possibile installare nel sistema anche pochi dispositivi a stato solido, sono necessari solo adattatori.

Metodo 3: Connessione SATA

Anche senza slot e slot PCI Express liberi, esiste comunque un’opzione alternativa per il collegamento dell’unità. Molto probabilmente, ci sono diversi nidi SATA rimasti sulla scheda madre. Per collegare l’SSD M.2 in modo “tradizionale”, procedere come segue:

  1. Acquistare il corrispondente adattatore SATA III per M.2. Inserire l’SSD nel connettore dell’adattatore SATA.
  2. Serrare il bullone di fissaggio del disco sul retro dell’adattatore.
  3. Collegare il cavo SATA ai connettori dell’adattatore.
  4. Collegare il cavo ad un connettore SATA libero sulla scheda madre.

Così avete inserito l’SSD M.2, un metodo non diverso dall’installazione su disco rigido.

Leggi anche: Aggiunta di un disco rigido in Windows 10

Metodo 4: collegamento USB

Se non ci sono più connettori liberi sulla scheda madre, si dovrebbe passare alle prese esterne, cioè alle porte USB. Anche attraverso di essi, è possibile collegare l’SSD M.2 se si fa quanto segue:

  1. Montare l’SSD sulla scheda di adattamento.
  2. Se possibile, inserire la scheda SSD nella custodia e chiuderla.
  3. Inserire il cavo in dotazione nell’adattatore.
  4. Inserire l’altra estremità del cavo nel connettore USB, preferibilmente nella versione 3.0.

Inoltre, se si dispone del cavo e del connettore appropriato sulla scheda madre, è possibile utilizzare una connessione di tipo C – Tipo C:

  1. Per prima cosa, collegare il cavo all’adattatore.
  2. E poi con la scheda madre sull’apposito connettore.

In questo modo è possibile collegare l’SSD M.2, anche se non si dispone o non si hanno altre prese speciali da collegare. Come si può vedere, USB o anche Type-C possono farlo perfettamente, l’unico dettaglio che richiede una maggiore attenzione è quello di considerare la posizione del dispositivo in modo che non interferisca e che la connessione non venga accidentalmente interrotta.

Raccomandazione generale: fare attenzione nella scelta degli adattatori, perché anche con tutte le dimensioni SSD non tutti i tasti sono adatti a tutti i connettori. Nella specifica dell’adattatore, fare attenzione a quale tipo di chiave è supportato. Questo può essere “mSata”, “B Key” o “M Key“, e le avvertenze sulle pagine dell’adattatore possono essere queste:

Inoltre, tenere presente che tutti i metodi di connessione diversi dalla connessione diretta sono influenzati dall’effetto “gola stretta”. Questo termine si riferisce ad una situazione in cui la larghezza di banda è impostata al livello minimo tra gli elementi di connessione. Cioè, anche se si installa una specifica SSD M.2 ultra-veloce, la velocità dei dati sarà dettata dalla versione di slot PCI Express o SATA e dai connettori e cavi USB. Pertanto, si consiglia di utilizzare le versioni di interfaccia PCI e USB almeno 2.0, meglio 3.0 e Generazione III per SATA.

Abbiamo studiato come collegare un’unità SSD M.2 ad un computer. Per questo è possibile utilizzare un connettore dedicato, che sarà la soluzione più efficiente, ma anche le connessioni disponibili utilizzando PCI Express e SATA, che saranno un po’ peggiori ma comunque accettabili. Anche un connettore che utilizza l’USB può essere una misura estrema.