Come abbassare la frequenza di clock del processore

Di solito gli utenti cercano di aumentare la frequenza di clock del processore per rendere il loro computer migliore, più veloce e ottenere prestazioni più elevate, ma in alcuni casi può esserci la necessità oggettiva di abbassare la frequenza di clock. Ad esempio, quando è necessario ridurre il consumo di calore e di energia della CPU, per ridurre i costi energetici e il carico del sistema di raffreddamento, o per renderla inadatta ad applicazioni ad alta intensità di risorse, come i giochi, per tenere i bambini lontani dal gioco d’azzardo ininterrotto. In questo articolo si può leggere come ridurre la frequenza di clock del processore.

Contenuti

Diminuire la frequenza della CPU

Per ridurre la frequenza della CPU, ci sono due modi principali: riconfigurare il BIOS invertendo l’overclocking, cioè “frenare” effettivamente la CPU e ridurre le impostazioni di consumo energetico nel sistema operativo stesso. Teoricamente, possono anche essere combinati, ma in pratica questo sarà utile solo in situazioni molto specifiche.

Metodo 1: Impostazioni del BIOS

Sulle schede madri con capacità di overclocking, l’operazione inversa può essere eseguita anche abbassando i valori moltiplicatori sia del singolo che di tutti i core, dell’intero processore, e ottenendo una riduzione del consumo energetico della CPU.

Leggere anche:
Come raggiungere il BIOS sul computer
Configurare il BIOS sul computer

Disabilitazione della modalità Turbo Boost

Per cominciare, vale la pena di considerare il modo in cui la massima frequenza di clock viene abbassata al livello di quella nominale per i processori che supportano questa tecnologia. Per lo spegnimento:

  1. Aprire il pannello di controllo dell’alimentazione della CPU trovando la “Gestione dell’alimentazione della CPU” o una linea simile e andare ad essa premendo “Invio”.
  2. Tradurre “Modo Turbo” da Abilitato” a Disabilitato” o da “Abilitato” a “Disabilitato“.

Dopo di che, la modalità turbo sarà disattivata, e se la CPU ha una frequenza di clock di base di 3,7 GHz, ad esempio, sarà anche la massima, privando la CPU della possibilità di auto-overclocking con la tecnologia appropriata.

Diminuzione del valore dei moltiplicatori nucleari

Il modo più “sicuro” per ridurre la frequenza di clock di un componente è quello di ridurre il valore dei suoi moltiplicatori di nuclei. La sicurezza di questo metodo si esprime nel fatto che l’utente non potrà impostare un numero di moltiplicatori inferiore a quello di base. In questo modo sarà possibile ottenere la riduzione delle frequenze massime della CPU ad un livello inferiore al limite o ai parametri di base in tutto il processore o nei suoi singoli core. La procedura viene eseguita in diverse fasi:

  1. Trovate nel vostro BIOS o UEFI il parametro responsabile della gestione dei moltiplicatori del kernel, potrebbe essere “Core Ratio CPU” o qualcosa del genere. Attivare questa riga premendo il tasto “Enter” e selezionare il modo operativo in cui si desidera effettuare la regolazione. Molto spesso ce ne sono due: “Sync All Cores” permette di impostare un singolo moltiplicatore e di sincronizzare i cores, e “Per Core” permette di impostare un valore individuale per ogni core.
  2. Se si seleziona “Sync All Cores”, è possibile selezionare un valore per il primo moltiplicatore di core che gli altri corrisponderanno automaticamente. Per fare questo, guardare il valore nominale del moltiplicatore vicino alla parola “Ratio” e impostarlo su “1-Core Ratio Limit”, le righe degli altri nuclei saranno riempite da sole.
  3. Se si desidera impostare indicatori unici per più core, selezionare “Per core” e impostare un moltiplicatore diverso in ogni core.

Non sarà possibile mettere il moltiplicatore al di sotto di quello nominale in nessuna delle modalità, e con “Per Core” tenere presente che nessun core può essere più veloce del primo, cioè i moltiplicatori degli altri non possono essere maggiori di 1-Core.

Impostando i valori limite del kernel, è possibile ridurre la frequenza massima di clock ad una frequenza di base.

Riduzione del valore della frequenza del bus

Il valore della frequenza di clock viene emesso moltiplicando il suo moltiplicatore per la frequenza del bus, in modo da poterlo ridurre abbassando il parametro della scheda madre. Qui si dovrebbe già essere il più prudenti possibile e non diminuire la frequenza di diverse decine di megahertz in una sola volta, perché a volte causa l’instabilità del funzionamento della CPU.

Per abbassare la frequenza del bus, procedere come segue:

  1. Trovate la riga che vi dà il numero giusto da impostare manualmente. Potrebbe essere la linea “Ai Overlock Tuner”, “CPU Operation Speed”, “BLCK/DMI/PEG Clock Control” o qualcosa del genere. Premere “Enter” e passare al comando manuale selezionando rispettivamente “Manual”, “User Define” o “Enabled“.
  2. Trovare il parametro “BCLK Frequency” o una riga contenente la parola “FBS” o “Clock” (si può usare anche il valore di default di 100 MHz). Dopo aver dato un’occhiata preliminare al valore attuale e/o al valore di base, impostare il valore leggermente inferiore.

Un abbassamento radicale della frequenza del bus può portare ad una grave frenata del sistema all’avvio, per cui si raccomanda un piccolo passo di abbassamento da 1 a 5 MHz.

Allo stesso modo, la velocità di clock della CPU, sia di base che massima, è ridotta, cosa che può essere ottenuta a pieno carico.

Riduzione della tensione della CPU

Riducendo la tensione fornita alla CPU, è possibile non solo ridurre il consumo di energia e la generazione di calore, ma anche ridurre la frequenza di clock della CPU. Per questo:

  1. Trovate l’opzione “CPU Core/Cache Voltage”: potete orientare il BIOS verso “CPU Voltage” e i valori in volt. Selezionarlo premendo “Enter” e passare alla modalità manuale.
  2. Impostare il valore di sottotensione in base ai valori minimi.

Impostando la tensione al di sotto di quella attuale, si abbassano le frequenze del processore su tutti i core senza influenzare i moltiplicatori. Si consiglia di ridurlo a poco a poco e gradualmente, letteralmente di un centesimo, così come nel modo con il pneumatico.

Ricordarsi di salvare le impostazioni dopo averle modificate – in questo caso si consiglia di uscire dal BIOS utilizzando il tasto “F10“, che dà il comando di uscire con il salvataggio delle modifiche.

Metodo 2: Impostazioni di Windows

Se non si possono o non si vogliono influenzare le impostazioni del BIOS, è possibile ridurre le frequenze nel sistema operativo stesso. Il parametro “Power” è responsabile di questo, che regola, tra l’altro, l’alimentazione minima e massima del processore. Per abbassare la frequenza della CPU attraverso l’alimentazione, utilizzare questo algoritmo:

  1. Utilizzare la ricerca nel menu Start o cliccare immediatamente sull’icona della lente di ingrandimento per trovare l’applicazione di sistema del pannello di controllo e aprirla.
  2. Cliccare con il tasto sinistro del mouse sulla categoria “Hardware e suono”.
  3. Passare alla sottocategoria “Alimentazione”.
  4. È possibile utilizzare un modo alternativo premendo la combinazione di tasti “Win+R” e inserendo il comando powercfg.cpl. Ok, vai direttamente al pannello di alimentazione.

  5. Cliccare su “Impostazione dello schema di alimentazione” del vostro attuale piano di potenza.
  6. Selezionare “Modifica impostazioni di potenza supplementari”.
  7. Espandere l’opzione “Gestione dell’alimentazione del processore” e poi le sotto-corde “Stato minimo del processore” e Stato massimo del processore”. Impostare la potenza minima che la CPU può consumare e la massima impostando un valore inferiore a quello attuale. Premere quindi i pulsanti “Applica” e “OK” in sequenza per rendere effettive le modifiche.

Ora la CPU non sarà in grado di utilizzare completamente la tensione fornita, limitando non il BIOS, ma Windows, e la frequenza della CPU sarà ridotta di conseguenza.

Se si desidera giocare con le impostazioni, si prega di notare che non sarà possibile abbassare la frequenza al di sotto degli 800 MHz, soprattutto con il secondo metodo. Fate attenzione quando cercate di prendere la barra inferiore di 700 MHz o meno, perché a un certo punto Windows potrebbe decidere che il computer non soddisfa i requisiti minimi e rifiutarsi di avviarsi.

In questo articolo sono stati considerati i modi per ridurre la frequenza di clock del processore nel BIOS e attraverso le impostazioni del sistema operativo. Come per l’overclocking e la frenata, prendetevi il vostro tempo e fate attenzione in questa procedura senza aver paura di resettare se qualcosa va storto.

Leggi anche: Resetta le impostazioni del BIOS